Beer Attraction: l’“Illecita” sammarinese sul secondo gradino del podio
17 marzo 2016
E’ una birra “Illecita” l’eccellenza romagnola al Beer Attraction
17 marzo 2016

LE MIGLIORI BIRRE DEL 2015, SECONDO PORTALE BIRRA

L’anno sta per finire e, anche per la birra artigianale, è tempo di bilanci e di classifiche. Siete curiosi di sapere quali sono state le migliori birre del 2015, secondo Portale Birra?
Allora continuate a leggere. da Portale Birra

La Grigna, birrificio Lariano.
Siamo in territorio bionde italiane, o meglio Italian Lager. Chiare, a bassa fermentazione, con basso contenuto alcolico. Tra le migliori che abbiamo assaggiato quest’anno c’è sicuramente La Grigna, del Birrificio Lariano. Forse vi ricorderete di loro: abbiamo avuto modo di incontrarli e di fare ai ragazzi qualche domanda, per conoscerli meglio. La loro produzione è molto variegata, sia per stili che per tipologie. La Grigna viene definita “Bohemien Pilsner” e il suo nome arriva da un’antica leggenda celtica. La Grigna era infatti una crudele guerriera che fece uccidere da una sua sentinella un cavaliere venuto a dichiararle amore. La guerriera fu trasformata in montagna e così anche la sentinella, che divenne la Grignetta.

Babel, birrificio Foglie d’Erba.
Dopo una chiara, leggera e poco alcolica, passiamo ad una ambrata, ad alta fermentazione e di ispirazione anglosassone. La Babel del birrificio Foglie D’Erba è rifermentata in bottiglia con Zucchero di Canna Integrale filippino Mascobado, da Circuito Equo e Solidale. Anche questa è un’italiana. La riconoscerete anche ad occhi chiusi, per il particolare profumo erbaceo e agrumato. Per noi è stato amore alla prima annusata.

Stray Dog No Rules Bitter, Toccalmatto.
Una bitter agrumata e un sapore intenso, pungente e con un finale di frutta tropicale. Che dire? Sarà perfetta per accompagnare il vostro cenone di Capodanno. Si sposa alla grande con il cibo saporito.

Isaac, Baladin.
Baladin è sicuramente uno dei birrifici artigianali storici italiani e ancora oggi uno dei più famosi. E la Isaac è uno delle primogenite di Teo Musso, dedicata al figlio. Niente di nuovo quindi, ma ancora oggi questa blanche riscuote un grande successo tra le varie messe in produzione dal birrificio. Noi la mettiamo tra le migliori, perché un grande classico non può mai mancare in una classifica di fine anno.

Ambigua, Birrificio Abusivo.
Si tratta di una birra davvero particolare. Questo birrificio della Repubblica di San Marino produce solo quattro tipi di birra e l’Ambigua è quella che più di tutte ha attirato la nostra attenzione. Si tratta di una strong ale ambrata, densa e pastosa. Da provare!

Quali sono state le vostre birre preferite, nell’ultimo anno?