LE MIGLIORI BIRRE DEL 2015, SECONDO PORTALE BIRRA
17 marzo 2016
L’Illecita è una delle migliori birre d’italia
17 marzo 2016

E’ una birra “Illecita” l’eccellenza romagnola al Beer Attraction

Premiato il “Birrificio Abusivo” di San Marino.
Fonte: www.theteller.it/

Ha un colore ambrato e un gusto “sincero” l’unica birra romagnola premiata nel concorso “Birrificio dell’anno” del Beer attraction 2016. L’ “Illecita” è stata la sola a portare in alto le insegne della terra dei Malatesta, in un’edizione avara di soddisfazioni per i produttori locali. E’ stato il “Birrificio Abusivo” di San Marino ad aggiudicarsi il riconoscimento, nella categoria 5 del concorso, dedicata alle birre anglosassoni.

«Siamo contentissimi di questo premio anche perché arriva ad appena undici mesi dall’inizio della nostra attività – spiega raggiante Ivan Pelliccioni, mastro birraio del birrificio – questo per noi è il primo riconoscimento in assoluto». La squadra della start-up di Domagnano è composta tutta da sanmarinesi doc: oltre al mastro birraio Pelliccioni, ci sono Luca Battistini, tecnologo alimentare, Andrea Mina e Gabriele Giglietti, entrambi ingegneri ed Enea Bruschi, che si occupa della parte commerciale.

Un’idea nata dalla passione di un gruppo di amici che ha scelto un nome decisamente singolare per la propria creatura:«Abbiamo deciso di chiamarlo così per via dello “scudo fiscale” di Tremonti. In quel periodo a San Marino c’era sempre la Finanza e si parlava solo del “nero” che c’era da noi. E’ così,dall’atmosfera che si respirava in quel momento è nata l’idea di chiamarlo “Abusivo”». Una denominazione che non poteva non riflettersi anche sulla produzione del birrificio: e così troviamo birre come l’Ambigua e la premiata Illecita per la tipologia “inglese”, e la Segreta e la Speak Easy per la tipologia “tedesca”.

Ma il secondo posto della “Illecita” pare essere un’eccezione nel panorama romagnolo che non sembra avere un grandissimo dinamismo in questo settore a differenza, ad esempio, di quello che accade nelle vicine Marche: «Probabilmente è dovuto al fatto che in Romagna c’è una fortissima tradizione vinicola – osserva Pelliccioni – per quello che conosco della realtà dei nostri birrifici – conclude – devo dire che la qualità della produzione potrebbe essere molto superiore».

Fonte: www.theteller.it/